Una Sana Etichetta…la Rivoluzione delle composte 100% frutta

COPERTINA MIRTILLI Tavola disegno 1

Ti sei mai fermato a pensare che cosa stai realmente mangiando?

Si dice che una immagine vale più di mille parole, a volte anche un numero vale più di mille parole, un numero sopra l’etichetta di un vasetto apparentemente comune.

Molto spesso le etichette alimentari danno indicazioni poco approfondite sui prodotti e ancor meno sulla loro storia e lavorazione.

Proprio per questo crediamo fermamente che la trasparenza e la qualità siano cose da trasmettere, comunicare, non qualcosa a cui semplicemente accennare a parole. E che le etichette possano raccontare tanto di più rispetto a quello che solitamente raccontano, per esempio scelte e sensibilità più profonde rispetto alle informazioni di base e spesso obbligate dalla normativa, presenti nei prodotti di uso quotidiano. Storie di impegno, lavoro, consapevolezza.

Cosa si intende, parlando di una composta di mirtilli, per qualità?

In questo prodotto abbiamo messo il numero effettivo di mirtilli presenti dentro al singolo vasetto 1170, per la precisione. E un solo ingrediente: i mirtilli neri selvatici.

Inoltre ci sono soltanto 1005 vasetti disponibili per la produzione di quest’anno.

Una produzione che viene fatta solo una volta all’anno, quando i frutti sono nel loro momento migliore per naturale maturazione. Una produzione non riproducibile allo stesso modo.

I frutti spontanei dell’appennino tosco-emiliano, i mirtilli neri selvatici (per approfondire vai a questo articolo).

Pettine  per raccolta Mirtilli neri selvatici

Quindi oltre le indicazioni obbligatorie in etichetta abbiamo deciso di scrivere la quantità di frutta, la zona precisa di provenienza e specificare la scarsità di questa produzione, che non sappiamo cosa ci riserverà per l’anno nuovo, a deciderlo saranno il clima e gli andamenti stagionali, non le volontà o le bramosie commerciali degli uomini.

Già, perché questo vasetto ci aiuta a trasmettere un chiaro messaggio: è impossibile, se non attraverso lavorazioni industriali, pastorizzate e senza anima, avere un prodotto agricolo alimentare identico di anno in anno, di stagione in stagione, di lavorazione in lavorazione.

Dentro questo vasetto ci sono dunque: la spontaneità di un territorio appenninico, il lavoro e la fatica di una piccola azienda a conduzione familiare, tutti i benefici dei mirtilli neri selvatici, considerati scrigni di facoltà curative.

Questo per noi è un prodotto di qualità che siamo orgogliosi di poter portare in casa tua (ma solo finché è disponibile).

Raccoglitrice di Mirtilli neri selvatici

La Rivoluzione delle 100%

Già in molti articoli precedenti abbiamo sottolineato l’attenzione profonda alla qualità dei prodotti, direttamente proporzionale a quella della materia prima di cui sono fatti e al rispetto espresso e conservato nella lavorazione.

Questo ci ha portato a voler valorizzare la linea di frutta 100% Sapore di Sole, espressione dell’amore per le risorse naturali di un territorio, in cui da una lavorazione sorprendentemente semplice si ricava un vero concentrato di frutta, dove niente oltre alla materia prima di partenza è stato aggiunto (niente dolcificanti, niente pectine…).

Ma non bastano le parole per esprimere il valore di questi contenuti colorati e profumati, da filiere corte italiane, da lavorazione a temperatura controllata, volevamo davvero trasmettere l’autenticità e la gioia che si sente ogni volta che si apre uno di questi vasetti.

Cultura Alimentare

Ritrovare la connessione con il territorio (e con le sue radici): la storia di Sandra e Viviano

Mentre il mercato bio si trasforma, così come le abitudini dei consumatori italiani, c’è ancora chi va controcorrente per proporre un’idea di alimentazione radicata nel territorio, nelle ricette di una volta, nel cibo di qualità. Quali sono le sfide, in questo percorso? Quali le vittorie? Ce lo racconta Sandra, dalla sua pioneristica azienda biologica dell’Altipiano di Loro Ciuffenna, in Toscana.

Cultura Alimentare

7 Cereali per 7 Giorni

La scuola che si rifà al pensiero di Rudolf Steiner rintraccia una stretta correlazione tra le proprietà e l’utilizzo dei cereali e i giorni della settimana, nella misura in cui ognuno di questi è influenzato e connesso al proprio corpo celeste di riferimento.