Confetture, marmellate, creme, gelatine di frutta: prodotti spesso confusi che possono avere caratteristiche molto diverse tra cui la presenza di zuccheri, addensanti come le pectine, o altri additivi che hanno lo scopo di migliorarne la conservazione, nonché lo stesso contenuto di frutta.

Chi ha provato l’esperienza  dell’autoproduzione di confetture si è probabilmente scontrato con lunghi tempi di cottura e la necessità di aggiungere dolcificanti, per ottenere un risultato organolettico soddisfacente.

SOLO FRUTTA

Grazie all’amore per le risorse naturali del territorio e ad una semplice quanto efficace tecnologia di lavorazione è possibile avere un vero e proprio concentrato di frutta, dove niente oltre al frutto di partenza è stato aggiunto.

La frutta, da coltivazione esclusivamente di filiera corta italiana, viene letteralmente concentrata in condizioni di pressione e temperatura controllata, permettendo alla lavorazione di non superare i 50°C, di avvenire in tempi ridotti e in minor presenza di ossigeno. La frutta perde parte dell’acqua e, grazie all’evaporazione in sotto vuoto, preserva il suo colore naturale oltre che i sapori e i profumi caratteristici del frutto fresco e maturo.

Il risultato è una composta di 100% frutta, dalla consistenza spalmabile con pezzi di frutta confezionata in vasetti in vetro e poi pastorizzata, per limitare il più possibile lo stress termico della sterilizzazione.

 

UNA SCELTA SEMPLICE

In questo modo possiamo godere della naturale dolcezza della frutta e apprezzarne il sapore puro, senza interferenza di dolcificanti estranei (contiene solo gli zuccheri naturalmente presenti nel frutto), additivi o composti derivanti dal trattamento con alte temperature.

La semplicità di un vero prodotto mono-ingrediente, solo da frutta biologica coltivata e lavorata in Italia, frutto dell’amore per le risorse naturali del territorio.

100frutta
Cultura Alimentare

Ritrovare la connessione con il territorio (e con le sue radici): la storia di Sandra e Viviano

Mentre il mercato bio si trasforma, così come le abitudini dei consumatori italiani, c’è ancora chi va controcorrente per proporre un’idea di alimentazione radicata nel territorio, nelle ricette di una volta, nel cibo di qualità. Quali sono le sfide, in questo percorso? Quali le vittorie? Ce lo racconta Sandra, dalla sua pioneristica azienda biologica dell’Altipiano di Loro Ciuffenna, in Toscana.

Cultura Alimentare

7 Cereali per 7 Giorni

La scuola che si rifà al pensiero di Rudolf Steiner rintraccia una stretta correlazione tra le proprietà e l’utilizzo dei cereali e i giorni della settimana, nella misura in cui ognuno di questi è influenzato e connesso al proprio corpo celeste di riferimento.